Azienda

Sin dagli esordi, l'apertura mentale che la caratterizza, spinge l'azienda
verso una sperimentazione che ha come caposaldo la voglia di crescere e
proporre un prodotto fortemente innovativo.

Gaffe è il punto di riferimento per alcune delle più importanti “griffe del lusso” italiane e straniere certe di ottenere una preziosa consulenza sia in termini di design, che garanzia di materiali di alta qualità. Nell'azienda confluiscono: Franco Dessì, marchio nato nel 2001 per denotare la propria collezione e far confluire in essa tutta l'esperienza e le contaminazioni positive acquisite fino a quel momento e Next tee, marchio neo nascente, creato per lanciare sul mercato una nuova collezione improntata al lusso che ha come protagoniste le sacche da golf.

Chi siamo

Gabriella Fava è orientata alla ricerca, sa raccogliere stimoli esterni e riesce a tradurli efficacemente in input commerciali. Franco Dessì nasce come illustratore e fumettista, è un creativo che cerca la sfida, è un creatore, un innovatore, qualità che sfrutta a pieno per tradurre le sue idee in ispirazioni avanguardiste per un prodotto di successo. È dal connubio di queste forti personalità che, nella metà degli anni 80, inizia a prendere vita un prodotto originale, caratterizzato da una grande attenzione al design d'avanguardia, di forte impatto e dall'utilizzo di materiali non convenzionali.

Storia

La storia di quest'azienda nasce dalla curiosità creativa e dal forte appeal di Gabriella Fava e dell'abilità progettuale e manuale di Franco Dessì che con un turbinio di nuove idee riscontrano da subito un ottimo successo di pubblico.

La voglia di saper fare e di proporre creazioni dal gusto nuovo e insolito, li sprona a cimentarsi nella loro più grande impresa: l'autoproduzione delle loro idee. In questo modo risolvono anche la riluttanza iniziale dei laboratori di produrre le loro creazioni, viste come troppo inconsuete e destrutturate. L'abilità della coppia creativa si amplifica, Franco impara a tagliare, cucire, assemblare e lavorare materiali classici della pelletteria abbinandoli a materiali di tutt'altra estrazione come il PVC trasparente, il legno, il ferro. Cominciano ad apparire le prime borse e zaini dal design insolito e accattivante: cani, gatti, forme coniche dai colori fluo e optical. La richiesta non tarda ad arrivare e al primo negozio in Via Imbriani, che già dalla vetrina si mostra fortemente connotato a una tendenza d'avanguardia, nel 1995 si affianca un vero e proprio laboratorio di produzione.

Distribuzione

Il prodotto che nasce, per sua natura così raffinato, non è destinato alla grande distribuzione, ma trova la sua perfetta collocazione in alcune delle vetrine più importanti della moda e del lusso, nei mercati statunitensi e asiatici, in particolar modo giapponesi, e negli ultimi anni anche in quelli russi.